IL PROCESSO DI DEALCOLIZZAZIONE

      In una società sempre più attenta al consumo di alcol,  i vini analcolici sono destinati al bevitore che apprezza tutto il sapore e la complessità del vino, ma vuole qualcosa di meno invadente e che altera la mente. Il vino analcolico è vino? Certo! Il vino analcolico ha il sapore del vino? SÌ!! Lo fa davvero, fintanto che ti separi da quello che pensi che "dovrebbe" avere un sapore. Quello che voglio dire è che non aspettarti che sappia di vino con l'alcol.

 

      È tempo di espandere le nostre menti e i nostri palati!

      Le bevande contenenti alcol come il vino forniscono un effetto più secco e pungente sulle nostre papille gustative. Quando l'alcol viene rimosso, si ottiene un effetto più dolce e dolce. Il vino “dealcolizzato”, in particolare, viene prodotto in modo tradizionale ma poi avviene l'estrazione dell'alcol. Ci sono alcuni metodi disponibili. Il metodo noto come "Distillazione sottovuoto" è un delicato processo di estrazione che permette al vino di mantenere il suo sapore e le sue componenti aromatiche.  Teetotaler Wines usa questo metodo!

      Oltre all'assenza di alcol, i vini analcolici non contengono grassi e hanno meno della metà delle calorie del vino tradizionale. Questo potrebbe tradursi in circa 22 calorie per bicchiere rispetto alle 100 calorie in media dei vini alcolici.

 

     Come qualcuno che beveva bevande contenenti alcol, ma non può più concederselo, avere la possibilità di gustare un bicchiere di vino con il mio cibo è qualcosa che desideravo! Era l'unico aspetto del bere che mi era sfuggito. Non posso dirvi quanto ero emozionato quando ho provato il mio primo sorso di vino analcolico e ho scoperto che anch'io, posso gustare un delizioso, maturo. bevanda dal gusto complesso con la mia cena!

 

Il vino analcolico è davvero buono? Sì, lo è davvero!

 

 

La produzione dei vini astemio

      La linea Teetotaler Wines è il risultato di molte prove e aggiustamenti.  I sapori, il profumo e la consistenza sono molto simili al vino originale, fatta eccezione per l'assenza di alcol.  La produzione di vini analcolici come Teetotaler Wines inizia con il metodo di vinificazione tradizionale. Le uve vengono fermentate in botti di rovere francese e americano. Una volta fermentato, il vino con una gradazione alcolica compresa tra il 10% e il 12% vol viene dealcolato sotto vuoto a bassa temperatura. Il processo continuo che avviene a circa 26°C si completa in 10 minuti. L'alcol è concentrato a circa 75% vol e il vino dealcolizzato ha una gradazione dello 0,0%.  

      Mentre si rimuove l'alcol, vengono estratti anche gli aromi del vino che vengono raccolti separatamente dall'alcol. Questi aromi vengono riaggiunti al vino dealcolizzato, che aumenta anche la gradazione alcolica a circa 0,1% vol. Il vino dealcolizzato viene poi filtrato e stabilizzato, che lo riporta allo 0,0%.  Prima di imbottigliare i vini,  il contenuto zuccherino viene regolato a circa 35 grammi per litro, utilizzando saccarosio o concentrato di mosto d'uva rettificato.  

Il processo di imbottigliamento

       Il processo di imbottigliamento, estremamente importante, garantisce che non si verifichino ulteriori fermentazioni né si verifichino batteri. Viene utilizzato il processo di sterilizzazione a freddo, che richiede tecnologie e trattamenti speciali.  

  • la linea di imbottigliamento è installata in una "camera bianca" con sovrapressione di aria sterile all'interno

  • vengono utilizzate solo bottiglie di vetro nuove

  • le bottiglie sono sterilizzate con anidride solforosa

  • routine CIP speciali e sterilizzazione a vapore della riempitrice

  • chiusura speciale  sterilizzazione  

  • 2 sistemi di filtraggio con prova di pressione

      Le bottiglie vengono poi chiuse con tappi metallici o di plastica per evitare qualsiasi contatto con l'aria per impedire qualsiasi fermentazione. In questo modo il vino si mantiene allo 0,0% vol. 

proceso-blanco.png